MI CENTRO – Convegno “Sokol, penna e pugnale”

Il Gruppo di Milano Centro organizza per giovedì 6 aprile alle ore 09,00 alle 12,30 presso il Centro Documentale Esercito di Milano (via Vincenzo Monti 59) il convegno “Sokol, penna e pugnale” sul ruolo della Legione cecoslovacca durante la Prima Guerra Mondiale a fianco dei nostri Alpini.

QUEL FALCO CECOSLOVACCO CHE VOLÒ CON L’AQUILA DEGLI ALPINI
Nel Convegno “Sokol, Penna e Pugnale”, organizzato dal Comitato per il Centenario del Gruppo Alpini Milano Centro, verrà rivisitato e onorato il ruolo della Legione cecoslovacca durante la Prima Guerra Mondiale a fianco delle nostre penne nere…. (segue nel testo esteso della notizia)
È uno degli angoli meno “illuminati” della Grande Guerra, noto agli storici ma assai meno al più vasto pubblico. Eppure nel conflitto di un secolo fa, che fu “grande” anche perché sconvolse e rivoluzionò i canoni classici delle battaglie con strumenti di inusitata potenza distruttiva (nuovi aerei, nuovi carri armati, nuove bombe a mano, lanciafiamme e dispersori di gas venefici), trovarono collocazione, fra le poderose armate contrapposte, anche le agili Legioni cecoslovacche, espressione di un anelito indipendentista dal dominio austro-ungarico ed embrione militare di un nascente Stato autonomo collocato fra Polonia e Ungheria.
Una di queste legioni cecoslovacche, formata da disertori e prigionieri, venne costituita anche in Italia e partecipò alla battaglia del Solstizio del 1918 (sul fronte del Piave), combattendo con molto valore e contribuendo fattivamente alla vittoria italiana.
A curare il recupero di questo brandello storico e ad onorarne valore e significato è ancora una volta il Comitato per il Centenario del Gruppo Alpini Milano Centro che, all’interno della sua complessa rivisitazione della Prima Guerra Mondiale, dedica alla Legione cecoslovacca un Convegno dal tema “Sokol, penna e pugnale”, il prossimo 6 aprile nella Sala dei Comandanti del Centro Documentale Esercito di Milano (Via Vincenzo Monti, 59 – ore 9.30-13.30).
Raccontano i testi di storia che la divisione “czeco-slovacca” (più comunemente ricordata come “Legione”), fu istituita il 21 aprile 1918 mediante una convenzione tra il Presidente del Consiglio italiano Vittorio Emanuele Orlando e il generale Milan Rastislav Stefánik, in rappresentanza del Comitato nazionale ceco-slovacco di Parigi, e giuridicamente sottoposta all’autorità di quest’ultimo organismo. Ciò equivalse al suo riconoscimento come governo “de facto” e in tal modo l’Italia precedette gli Alleati nel dare legittimità alla costituenda Ceco-Slovacchia. Štefánik ricevette la bandiera di combattimento nel corso di una solenne cerimonia all’Altare della Patria il 24 maggio alla presenza delle massime autorità. La Legione raggruppò circa 18.000 uomini, tra prigionieri e disertori, che erano stati dislocati in vari campi dell’Italia
centrale, meridionale e in Sicilia. Essa combatté valorosamente nella decisiva battaglia del Solstizio, distinguendosi successivamente sul Doss Alto in Trentino il 21 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.